Le 3 regole d'oro per sostenere un colloquio

La prima regola fondamentale è arrivare preparati


Se avete già dei colloqui per appuntamento o se volete presentarvi ai colloqui liberi, portate diverse copie del vostro CV. I CV devono essere aggiornati, leggibili e devono riportare tutte le date di inizio e fine delle vostre esperienze.

Fate le vostre ricerche sulle aziende di vostro interesse. Questo può avvantaggiarvi nel caso i recruiter facciano domande specifiche sull’organizzazione e distinguervi dimostrandogli di essere realmente interessati.

Controllate di nuovo le posizioni a cui vi siete candidati: ricavate tutte le informazioni ed i termini tecnici che vi possono servire per preparare delle domande o spunti per approfondimenti. Non domandate già quello che dovreste sapere.

 

 

Vestitevi in modo adeguato, siate in ordine e arrivate puntuali


 

Siate coincisi e date informazioni rilevanti. Durante questi eventi i recruiter intervisteranno molti candidati e previlegiano coloro che sanno essere efficaci e sanno andare dritti al punto. Quindi esercitatevi su descrizioni brevi, sulle vostre esperienze e sui vostri obiettivi.

Se avete bisogno di riscaldarvi, iniziate a fare qualche colloquio con le aziende che non sono tra le prime posizioni della vostra lista. Se non è possibile, andatevi a presentare in qualche stand, parlate, rompete il ghiaccio.

Dovrebbe essere superfluo ricordare di presentarsi puliti e curati e con un dress code professionale.

 

 

Ed infine, siate interessanti!

 

Non divagate, non siate prolissi e siate sinceri. Alla fine del colloquio è il momento giusto per porre delle domande, se ne avete. Cercate di essere proattivi, di domandare al recruiter ciò che non è emerso dal colloquio. Come proseguirà la fase successiva di selezione? In che modalità avverrà la formazione/inserimento, se previsto?

 


LavoroTurismo 2 anni fa