LavoroTurismo.it

HOTEL 2017Casa della divisaItalia a Tavola

Uomo verso macchina – scontro o simbiosi? Communication Forum ad Hotel 2017-

16/10/2017

 

 

“Uomo verso macchina – scontro o simbiosi?” è il titolo della prossima edizione del Communication Forum con due grandi nomi di esperti in nuove tecnologie, vendita e marketing: Tim Cole e Christoph Hoffmann. Il convegno è in programma lunedì 16 ottobre 2017 in occasione di Hotel, la fiera di riferimento per l’hotellerie e la ristorazione nel Nord Italia.

Bolzano, 10 agosto 2017 - Quasi la metà -per la precisione il 49%- dei lavori svolti attualmente da persone fisiche, nel mondo, potranno essere automatizzati quando le tecnologie “correntemente sviluppate” si saranno diffuse su scala globale. Lo rivela uno studio McKinsey Global Institute. Lo studio è molto dettagliato, arrivando a prendere in considerazione non i singoli lavori, ma i singoli compiti svolti prendendo in esame 54 nazioni del mondo, per un totale di circa il 78% dei lavoratori del pianeta. Tra i Paesi analizzati da McKinsey c’è anche l’Italia, dove sono coinvolti il 50% dei compiti, per un totale di 11,8 milioni di lavoratori. Per quanto riguarda il settore “Hotel e ristorazione”, che vede impegnati nel mondo 52,1 milioni di impiegati, il potenziale di automazione è il più alto rispetto a tutti gli altri settori, ovvero pari al 66%.

 

“Uomo verso macchina – scontro o simbiosi?” è il titolo della prossima edizione del Communication Forum, in programma lunedì 16 ottobre 2017 dalle ore 14.00 alle ore 17.00 al MEC – Meeting & Event Center Südtirol Alto Adige presso Fiera Bolzano durante Hotel, la fiera di riferimento per l’hotellerie e la ristorazione nel Nord Italia. Un tema scottante, che secondo l’analisi di McKinsey vede vincere la simbiosi: “Gli esseri umani saranno ancora indispensabili: il guadagno in produttività che noi prevediamo potrà essere raggiunto solamente se gli uomini lavoreranno fianco a fianco con le macchine. Ciò modificherà profondamente il mondo del lavoro: sarà necessario un alto grado di cooperazione fra lavoratori e tecnologie”, afferma McKinsey.